Ornella De Benedetti

 

ornella

I vostri passi vi hanno condotto qui…. vi  auguro il benvenuto!

Queste pagine si rivolgono a chi, come me, vive nell’incessante anelito alla Verità. Nascono dal mio desiderio di condividere con voi qualche accenno sul cammino che mi ha condotto a svolgere un’attività permeata del sacro fuoco della ricerca interiore. Ricerca vivificata dalla mia profonda aspirazione a sentire e danzare la musica della vita.

Accompagnamento olistico

Da molti anni accompagno e sostengo nel loro orientamento, tutti coloro che mi sono destinati. Durante le sedute individuali o di gruppo, si viaggia interiormente  alla ricerca delle nostre risorse più profonde e della forza in grado di sostenerci per il superamento dei freni, delle paure e dei limiti, forza che faciliterà anche i passaggi e le transizioni più delicate. Rimettiamo ordine in noi, alfine di avere i piedi ben saldi a terra prima di guardare al Cielo… si prenderà allora coscienza di esserci incamminati sul sentiero della libertà, si cercherà e si incontrerà bellezza, ovunque !

Evocazione

Il mio vissuto personale si è impregnato sin dall’infanzia, della realtà di due continenti … America meridionale ed Europa (Italia e Francia). In seguito, diversi viaggi in India, sono stati determinanti per il riorientamento della mia vita culturale e spirituale, realtà che non ho mai abbandonato.

manoo-con-disegni-india

Ho sempre aspirato a vivere nell’armonia e nella bellezza, non per mera contemplazione estetica, ma per una quasi mistica aspirazione ai sacri principi “del vero, del bello e del giusto”, attratta dalla meraviglia dell’essere umano e dal suo insondabile mistero.

Sinceramente animata da un ardente desiderio di libertà e di autonomia, mi son sempre interrogata sulle varie limitazioni poste alle nostre tendenze, facoltà, diritti… restrizioni che presumevo provenissero da ..“altro da noi”.
Molto presto ho percepito in me un’innata sensibilità al linguaggio del corpo e non era raro sorprendermi rapita ad ammirare la creatività del corpo danzante. Percepivo la danza come un atto creativo, capace di risvegliare energie latenti e liberare forze in grado di riplasmare un mondo.

Il gesto mi ha sempre comunicato più delle parole.danza-veli

Nel “gesto giusto” la purezza degli intenti.

Oggi posso constatare che le mie intuizioni riguardo l’immenso potenziale racchiuso nel corpo erano ben fondate. Il corpo ha in serbo per noi un importante segreto. Imparare ad osservarlo con attenzione, tramite un ascolto incondizionato, costituisce una grande opportunità per una maggiore conoscenza di se stessi.

Approdo alla danza suprema  (Yoga)

Una volta stabilita in quell’intuizione della Verità e dell’Essere, che rappresenta la mia etica di vita, sentii in me l’urgenza di trovare il “senso”, di comprendere la natura della forza che mi spingeva a cercare risposte al mio passaggio sulla terra. Questo slancio mi condusse ad incontrare, (nel 1978) colui che sarebbe diventato la mia guida ed amico amatissimo : Jean Klein, maestro dell’Advaita-Vedanta.

Incontro ineluttabile, la sua libertà mi toccò profondamente fin dal primo istante.
La mia gratitudine è senza confini !

o-jk
Jean Klein & me – Grasse, 1991

Si delineò ben presto la mia missione di vita ed ebbi il grande privilegio di essere da Lui iniziata alla messa in pratica della “via diretta” tramite l’approccio corporale (Yoga).

Da questa comprensione alla maturazione necessaria per l’integrazione dei principi basilari che costituiscono quest’arte di vivere, il passo fu breve. Ben presto Jean Klein mi incoraggiò caldamente a trasmettere l’insegnamento dell’approccio corporale che lo caratterizza.
Entrai subito nel vivo di questa straordinaria pratica di investigazione profonda, accompagnando numerose persone nel loro viaggio di esplorazione.
Da allora non ho mai interrotto questo impegno e mai si è affievolito il mio entusiasmo nel comunicare questo immenso tesoro che mi è stato affidato.

carla-e-ornella
Carla & me – Assisi, 1985

Era scritto nella stelle che le nostre strade si incrociassero…  Carla Perotti è stata la mediatrice del mio incontro con Jean Klein, il quale nel 1981 diede il suo benestare per la nascita dell’Associazione Sadhana, nome da lui suggerito.
La mia attività nell’insegnamento dello Yoga, mi ha vista in quella sede dal 1981 al 2010.
Un ringraziamento a Carla, preziosa compagna di viaggio.

La lunga esperienza al  fianco di Jean Klein, come assistente e organizzatrice, mi ha sensibilizzato anche sulle possibili soluzioni ai problemi di salute tramite l’approccio globale, di cui era un gran conoscitore. Ho potuto così coltivare la mia passione per le discipline naturali e approfondire la mia formazione sulla dinamica della nutrizione e della dietetica.